www.farmacianews.it

Novità

All’interno

l’inserto

staccabile con

il Corso ECM

da 35 crediti

n editoriale

Una convenzione

I protagonisti

in provincia

di Novara

un’altrasfidap

P

erlafarmacia

•apag.4•

Il mollusco contagioso

La società multirazziale impone al

mondo sanitario di riflettere sulla

diversità per meglio comprendere le

esigenze del paziente straniero. Una

riflessione antropologica sulla medicina e

sull’esperienza della malattia, nonché sul

concetto di cura può essere d’aiuto, come

ascoltare l’esperienza di chi, indossando

un camice bianco, il multiculturalismo lo

conosce in maniera diretta

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

Il mondo del profumo:

scienza, tecnica e creatività

Accademia Tecniche Nuove in

collaborazione con Università di

Ferrara presenta il percorso di

Alta Formazione professionale

in modalità blended, suddiviso

in 2 parti, intitolato “Il mondo

del profumo: scienza, tecnica e

creatività”. Il corso è rivolto a

tutte le figure che ruotano

intorno alla vendita,

produzione, utilizzo di

fragranze, profumi e

prodotti correlati.

al passo con i tempi

Multiculturalismo

Raffaella Ferrari

S

arà licenziato entro luglio il nuovo atto d’indirizzo per il

rinnovo della convenzione tra Ssn e farmacie, da cui partirà

un tavolo di confronto tra le parti che dovrebbe portare al

documento finale nel giro di qualche mese. Non sarà un

lavoro facile: la nuovaconvenzione dovrà fare i conti con le profon-

de trasformazioni normative, economiche e assistenziali avvenute

negli ultimi anni, dai decreti Storace e Bersani fino alla nascita del-

la farmacia dei servizi e alla digitalizzazione della sanità. Il primo

obiettivo dell’atto di indirizzo sarà quello d'individuare i meccanismi

che consentiranno il rispetto dei tetti di spesa, come la modifica

del sistema di remunerazione del farmacista, che verosimilmente

sarà svincolato dal prezzo dei medicinali. Sono scelte inevitabili, e

ne capiamo l’intento, ma da una prima lettura sembrano concedere

ben poco alle farmacie in termini economici, mentre la maggiore

richiesta di servizi accessori e la complessità degli aspetti burocra-

tici finiranno per determinare un ulteriore aumento dei costi per

le farmacie. La nostra professione è cambiata: il farmacista è oggi

un professionista del farmaco che ha ampliato le sue competenze

verso tematiche di gestione della salute, prevenzione ed educazione

sanitaria, attraverso la presa in carico dei propri pazienti.

La nuova convenzione dovrà tener conto di tutto ciò. Inoltre, è ormai

dimostrato come i risparmi della spesa si possano ottenere anche

con semplici azioni di recupero di efficienza e produttività da altri

comparti; per esempio, riportare in farmacia la dispensazione di

farmaci e presidi che attualmente sono distribuiti direttamente dalle

strutture pubbliche agevolerebbe gli ammalati grazie alla copertura

capillare sul territorio e agli orari di apertura più estesi.

Crediamo, infine, che il contenimento della spesa farmaceu-

tica territoriale non sia un processo senza limiti al ribasso, e

soprattutto non sia l’unica opportunità di rilancio del sistema

salute: una ridefinizione dei rapporti tra farmacie e Ssn, con

l’identificazione di nuovi ruoli e partnership, potrebbe garantire

una forma di sostenibilità economica adeguata e moderna, che

non rinunci alla qualità dell’assistenza. La modernizzazione del

servizio farmaceutico dovrà riguardare tutte le figure sanitarie sul

territorio, in primis i medici di medicina generale: apprezziamo

il protocollo d’intesa siglato con i loro rappresentanti sindacali

e l’impegno a portare avanti alcune battaglie comuni, tra cui il

rinnovo delle rispettive convenzioni. Ci sembra che questa ritro-

vata sinergia possa garantire ai cittadini una migliore forma di

copertura sanitaria negli anni a venire.

MEDICINA INTEGRATA

Le piante per ridurre i sintomi

della congiuntivite

La congiuntivite è una malattia

dell’occhio molto comune. Il

processo infiammatorio che

interessa la congiuntiva può essere

scatenato da infezioni batteriche

o virali, oppure da allergeni e

da agenti chimici o fisici. Per

evitare che sopraggiungano

eventuali complicazioni, le

congiuntiviti devono essere trattate

correttamente. Nelle forme batteriche sarà importante utilizzare colliri

ad attività antibiotica. Nelle forme virali si utilizzeranno, invece, colliri

decongestionanti e antisettici. Infine nelle forme allergiche colliri ad

azione antistaminica e sfiammante. In fitoterapia e omeopatia una

pianta molto utilizzata è eufrasia, ma vi sono anche altre risorse.

1

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

I microrganismi che convivono

nel corpo umano proteggono

il delicato equilibrio del nostro

ecosistema, di cui sono parte

integrante.

•Allepagg.22e24•

•apag.20•

•apag.6•

FOCUS

COSMESI

INTERVISTA

MICROBIOTA

E PREBIOTICI

CONSIGLIARE

I PROFUMI

GRANDE ATTENZIONE

ALLA FORMAZIONE

INCHIESTA

Tipo di pelle, età, stagione,

temperatura e attività lavorativa,

queste sono alcune delle variabili

che influenzano la scelta della

fragranza da indossare.

Alla guida della Sifo, Marcello

Pani si propone di compattare e

motivare i farmacisti ospedalieri,

puntando anche a una crescita

professionale più omogenea.

FARMACI

ne antropologica sulla medicina e

Sono numerose le malattie della pelle

sull’esperienza della malattia, non-

da cui deve essere opportunamente

ché sul concetto di cura? Lo abbiamo

distinta l’infezione da questo virus,

piuttosto frequente nel bambino.

•apag.34•

SICUREZZA

per prevenire i reati

•segueapag.8•

•apag.12•

VETERINARIA

Displasia dell’anca nel cane

La displasia dell’anca è un’anomalia di sviluppo dell’articolazione

coxofemorale, che induce la comparsa di sublussazione o

lussazione della testa del femore nei cani giovani e di fenomeni

degenerativi articolari, talora invalidanti e dolorosi nei soggetti

più anziani. È una malattia multifattoriale in cui fattori sia ereditari

sia ambientali concorrono all’anomalo

sviluppo osseo e dei tessuti molli.

In particolare modo sembra

che più geni intervengano

nel determinismo di questa

forma patologica. Dolorosa e

invalidante, va trattata sia

con la chirurgia, sia con farmaci

sintomatici sia prevenendo la

riproduzione

dei cani affetti.

erché c’

è bisogno di una riflessio-

problematica comune

chiesto a Roberta Raffaetà, docente

di Antropologia medica all’universit

à di Milano

Diverse le terapie da mettere in atto.

Bicocca e alla facoltà di Medicina dell’università

di Verona, dove insegna questa disciplina e com-

petenza culturale ai giovani studenti, ma anche

ai professionisti della salute, chiamati ogni gior-

no a confrontarsi con la “diversit

à” nei pazienti.

«Innanzitutto bisogna chiarire cosa intendiamo

per diversità quando ci riferiamo a una perso-

na con un colore della pelle oppure una lingua

differente dalla nostra», spiega Roberta Raffaet

à,

«perché dietro questa diversit

à apparente ci pos-

sono essere tante traiettorie di vita che variano

a seconda della classe sociale, dell’educazione,

dell’età, ma anche del periodo di soggiorno in un

Paese diverso da quello d’origine e soprattutto

dal clima politico del paese in cui la persona è

venuta ad abitare». Concetti e categorie ricondu-

cibili alle cosiddette politiche del riconoscimento

delle diversità e dell’inclusione sociale», suggeri-

sce Raffaetà, «cioè paradigmi che insieme deter-

minano in maniera sostanziale come l’immigra-

to viene categorizzato e riconosciuto, e ri

flette

anche la percezione stessa dell’immigrato». Per

queste e per altre ragioni l’antropologia medica

può essere d’aiuto anche per il mondo della farma-

cia, come peraltro le esperienza di chi, indossando

un camice bianco, il multiculturalismo lo vive sulla

propria persona.

•apag.36•

•apag.20•

•apag.42•

FN_FERM BST giugno.pdf 1

28/04/16

10:37

ISSN 1590-3699 - Mensile - Anno XXIV - n° 6 - Giugno 2016 - Poste Italiane SpA - Sped. in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n. 46) - art. 1, comma 1, DCB Milano

C

F

a

r

m

a

c

i

a

n

e

w

s

|

g

i

u

g

n

o

2

0

1

6

Protocollo d'intesa

Gli ultimi dati in arrivo dal ministero

degli Interni e da Federfarma hanno

mostrato un declino costante e

numericamente consistente delle

rapine condotte ai danni delle

farmacie. Il merito della svolta è in

gran parte attribuibile alle iniziative

condotte dall’Associazione titolari e dal

Viminale a partire dal 2010. Sebbene il

lavoro non sia finito: nel 2015 le croci

verdi hanno assistito a un incremento

di razzie notturne e taccheggio.