ISSN 1590-3699 - Mensile - Anno XXIV - n° 11 - dicembre 2016 - Poste Italiane SpA - Sped. in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n. 46) - art. 1, comma 1, DCB Milano

FN_NODOL CPS dic.pdf

1 25/10/16 08:57

■ editoriale

Una risorsa

preziosa

S

diR.Ferrari

e ne parla davvero poco, del rinnovo del contratto di

lavoro dei dipendenti di farmacie private. Un contratto

scaduto da qualche anno, che riguarda la quota largamen-

te maggioritaria dei laureati in farmacia ma che continua

a essere il grande assente negli incontri di categoria.

Lo stesso dicastero del Lavoro non è mai intervenuto per risolvere

il problema, magari proponendo un incontro tra le parti come ha

fatto spesso in altri settori: una mediazione del Governo potreb-

be essere pertinente per la rilevanza pubblica e sociale della

professione e forse convincerebbe il sindacato a rivedere la

propria posizione di stallo, indissolubilmente legata alla stesura

della nuova convenzione farmaceutica. Una motivazione in parte

comprensibile, quella del sindacato titolari, che si è trovata negli

ultimi anni a dover affrontare numerosi attacchi da parte di terzi

e a risolvere problemi più urgenti del rinnovo del contratto; ma la

dilatazione sine die dei tempi di rinnovo non ha certo favorito la

capacità di comprensione dei collaboratori, generando un clima

di sfiducia e malcontento. Ma la farmacia è un piccolo mondo in

cui i collaboratori svolgono la propria attività quotidiana a stretto

contatto con il titolare, con i colleghi e con la clientela: sempre

presenti al banco, interlocutori privilegiati dei cittadini, sono co-

loro che risolvono i piccoli problemi quotidiani e tranquillizzano

i clienti sulle medicine e sulle cure. La loro insoddisfazione non

giova certo a nessuno e i titolari lo sanno bene.

Per questo motivo, è probabile (e auspicabile) che possano ri-

considerare le proprie posizioni mostrando un atteggiamento

meno netto, e più percettivo, nei confronti delle parti sociali,

ponendo le basi per un futuro accordo che possa rispettare le

esigenze di tutti e, al tempo stesso, valorizzare le professionalità

di ciascuno, attraverso un retribuzione adeguata alle compe-

tenze e in linea con l’attuale contesto economico.

Del resto anche in base a una legge sul welfare aziendale,

esistono diversi modi per gratificare i collaboratori meritevoli,

come la retribuzione di produttività, i premi di risultato, i buoni

pasto o altri fringe benefits: potrebbe essere un modo carino

(e deducibile) per ringraziarli del lavoro svolto a fine 2016. Un

collaboratore soddisfatto e con il sorriso si rivelerà una risorsa

preziosa per qualunque farmacia. Buon anno a tutti.

INCHIESTA

I protagonisti

in provincia

di Bolzano

www.farmacianews.it

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

FARMACOVIGILANZA

FARMACI

COSMESI

LA SICUREZZA DEI

MEDICINALI BIOLOGICI

I PICCOLI PROBLEMI

DELLE PALPEBRE

Orzaiolo, calazio, blefarite sono disturbi

molto comuni, sottoposti spesso

all’attenzione del farmacista prima

ancora che a quella del medico.

EFFETTO DEI BIORITMI

CIRCADIANI

Gli studi confermano che esiste un

razionale scientifico all'uso quotidiano di

creme giorno e notte, che risponde a

una reale necessità della cute.

Per un corretto monitoraggio di

questi farmaci Ema ha realizzato

nuove linee guida europee sulla

farmacovigilanza.

•apag.32•

•apag.30•

•apag.22•

Contratto farmacisti

trattativa in stallo

•apag.4•

1

RICERCA

Il contratto collettivo nazionale di lavoro dei farmacisti del settore privato

è stato siglato nel 2009 e rinnovato nella sola parte economica nel 2011.

Gli spazi di trattativa per il rinnovo sono esigui: da una parte i rappresentanti dei farmacisti

non titolari vorrebbero trovarsi presto di fronte al sindacato dei titolari di farmacia per

siglare un accordo, dall’altra Federfarma attende garanzie sul futuro della farmacia

Strategia innovativa

L

novo del contratto collettivo nazionale di lavoro

dei farmacisti collaboratori, siglato nel 2009 e

rinnovato nel 2011 per la sola parte economica.

I farmacisti ne chiedono il rinnovo immediato,

mentre Federfarma vorrebbe avere garanzie sul

futuro della farmacia. Un punto d’incontro ap-

pare ancora lontano. «La situazione sta diven-

tando insostenibile», così dicono i rappresen-

Il tessuto adiposo produce importanti

segnali endocrini che influenzano

i centri della fame e della sazietà

ipotalamici. La comprensione di

queste vie di regolazione offre nuovi

target verso cui dirigere progettazione

e sintesi di molecole da portare in

sperimentazione clinica.

•apag.28•

o scorso ottobre la Federazione na-

zionale associazioni farmacisti non

titolari (Conasfa) e il Sindacato na-

zionale farmacisti non titolari (Sina-

sfa) hanno diramato un comunicato

stampa congiunto sul mancato rin-

tanti dei farmacisti non titolari, «insostenibile

sotto il profilo economico, perch

é un adegua-

mento salariale è divenuto ormai urgente, ma

anche di principio, perché non è giusto vinco-

lare il rinnovo di un Ccnl nel settore privato»,

sostengono i collaboratori, «a fattori terzi, come

il rinnovo della convezione o altro». Il problema è

ben chiaro alla Federazione dei farmacisti titolari

che in questi ultimi tempi ha affrontato, per

ò, an-

che altre questioni. Dunque, se è stato inevitabile

e persino ragionevole prender tempo, a distanza

di quattro anni, i rappresentanti dei farmacisti

collaboratori chiedono delle risposte, per evita-

re di indebolire la farmacia al suo interno.

•segueapag.8•

MARKETING

CORSI ECM ONLINE - PROMOZIONE 2017

PRIMO SOCCORSO

IN FARMACIA

•ID. 1585-177805•

ANZIANO

E POLITERAPIA

•ID. 1585-177860•

Per informazioni e iscrizioni: Tel. 02/39090440 - infoecm@tecnichenuove.com - http://corsiecm.tecnichenuove.com/

C

P

E

R

I

N

F

O

R

M

A

Z

I

O

N

I

F

a

r

m

a

c

i

a

n

e

w

s

|

d

i

c

e

m

b

r

e

2

0

1

6

per i farmaci

antiobesità

Utilizzo delle dirette

video sui social

•apag.36•

35

CREDITI

ECM