www.farmacianews.it

n editoriale di R. Ferrari

Aria di crisi

per le farmacie non stop

L

a liberalizzazione dei turni e degli orari delle farmacie è

una norma relativamente recente, stabilita in una nota

del Dl n.1/2012. Da allora, le richieste di apertura a

orario esteso diurno sono aumentate progressivamen-

te su tutto il territorio nazionale e hanno riscosso notevole

successo principalmente nei grandi centri, dove

è forte l’esi-

genza di una copertura di orario pi

ù ampia in accordo con i ritmi

dell’utenza. Non è andata allo stesso modo con le farmacie

notturne: le richieste di apertura volontaria hanno subito un

brusco ridimensionamento negli ultimi tempi e molte farmacie

sono ritornate sui loro passi, non riuscendo a garantirsi una

minima sostenibilità economica.

I punti deboli del lavoro notturno sono noti: la necessit

à di

un magazzino ben fornito a fronte di una bassa incidenza di

accessi, un numero di dipendenti tale da coprire l’intero arco

della giornata, un aumento dei costi fissi di esercizio, talvol-

ta l’inserimento di un vigilante per scongiurare il pericolo di

rapine nella fascia oraria serale a battenti aperti. L’apertura

notturna volontaria

è certamente gradita alle istituzioni, perché

offre un servizio prezioso e insostituibile al cittadino e questo

può portare a un ritorno di immagine per la farmacia, come

testimoniano alcuni dei nostri intraprendenti colleghi, ma ciò

spesso non basta.

Nelle grandi città, dove le farmacie volontarie hanno sostituito

il servizio notturno obbligatorio, la recente penuria di esercizi

aperti la notte ha portato a una crisi del sistema, paventando

un ritorno al passato con il ripristino del turno per tutti.

Esiste una soluzione al problema? È possibile, ipotizzando per

esempio un contributo da parte di enti locali e regionali alla

sostenibilità economica di queste farmacie (alle quali non è

concesso il diritto addizionale di chiamata notturna). Proviamo

inoltre a immaginare una quota fissa, anche di piccola entità,

pagata dai clienti a copertura delle spese di gestione, che possa

incentivare le farmacie volontarie a continuare il loro servizio,

tutelando tante piccole realtà che non riuscirebbero a garantire

il turno h24.

Ai polemici di professione, che si lamenteranno sicuramente del

nuovo balzello, chiederemmo di provare a prendere un taxi nelle

ore notturne o chiamare un odontoiatra per un improvviso mal

di denti, augurando loro di non aver mai bisogno di un idraulico

in piena notte: capirebbero quanto costa davvero il servizio not-

turno. Noi garantiamo molto di più per molto meno.

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

CODICE DEONTOLOGICO

RICERCA

PSORIASI

ADEGUARSI

AI TEMPI

MICROPARTICELLE

IN CELLULOSA

Alcuni ricercatori inglesi hanno

messo a punto un sistema per

produrre microsfere a base

di cellulosa, completamente

biodegradabili.

I MEDICINALI DA

USARE CON CAUTELA

Come patologia cronica, la

psoriasi necessita di un

trattamento a lungo termine ed

è frequente che altri medicinali

possano influenzarne il decorso.

Il consiglio nazionale della Fofi con

questo aggiornamento del documento

etico dei farmacisti ha ribadito con

forza i principi fondamentali della

missione di farmacista.

•apag4•

•apag.18•

•apag.24•

INCHIESTA

FARMACIA DEI SERVIZI

Lo psicologo in farmacia

servizio a elevate

potenzialità

•apag.10•

C

FN_ALOE GEL luglio.pdf

1 25/05/18

10:25

ISSN 1590-3699 - Mensile - Anno XXVI - n° 7 - Luglio 2018 - Poste Italiane SpA - Sped. in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n. 46) - art. 1, comma 1, DCB Milano

All’interno

l’inserto

staccabile

con il Corso

ECM 2018

da 35 crediti

Codice Deontologico

del

Farmacista

F

a

r

m

a

c

i

a

N

e

w

s

|

l

u

g

l

i

o

2

0

1

8

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

D4B_Salvaderma_Medical_Rughe_Footer_FarmaciaNews_265x65_Settembre2017.pdf 1 19/09/17 10:24

Farmacia aperta 24 ore su 24 �

•apag.27•

Farmacie h24

a rischio di estinzione

ANALISI EMATICHE

Come leggere i valori

del profilo anemia

1

Presenti soprattutto nelle grandi città, le farmacie aperte 24 ore su 24 offrono un servizio

molto apprezzato dai cittadini, eppure la loro sopravvivenza sembra essere a rischio.

Sono le farmacie stesse che, spinte dal mercato e dalla concorrenza, le stanno fagocitando:

questa volta i capitali o la grande distribuzione organizzata non c’entrano

I

farmacia s’è trovata a dover competere con

altri soggetti, con la grande distribuzione or-

ganizzata e con le società di capitali. Qual-

cuno ha temuto, e ancora oggi teme, che la

farmacia possa trasformarsi a tal punto da

diventare irriconoscibile agli occhi di chi l’ha

vista crescere sotto l’ala del Servizio sanita-

rio nazionale. Tuttavia, ce n’è anche un altro

di effetto della liberalizzazione, a dire il vero

l decreto Bersani ha inciso sensibilmente

sulla vita dei cittadini, ma anche sull’i-

dentità della farmacia. In questo settore

poi, gli effetti della liberalizzazione si

sono visti subito, soprattutto quando la

poco visibile perché rimasto un po’ nell’om-

bra, nel vero senso della parola dato che esce

allo scoperto solo al calar del sole, quando

iniziano a operare le farmacie notturne.

È l’effetto della liberalizzazione degli orari di

apertura delle farmacie sulle farmacie stesse:

a pagarne il prezzo sono le cosiddette farma-

cie h24, nate anch’esse per effetto della libe-

ralizzazione e oggi a rischio di estinzione,

perché la concorrenza tra gli esercizi

è alta.

Una concorrenza che sta generando s

ì effetti

positivi per i cittadini, ma anche un fenomeno

singolare che sta danneggiando alcune far-

macie e una certa fascia della clientela.

FARMACI

Baricitinib nei pazienti

con artrite reumatoide

•apag.28•

I rimedi individualizzati

in caso di emorroidi

•apag.31•

FLORITERAPIA

Evitare l’isolamento

degli anziani

OMEOPATIA

•apag.33•

Rubriche

Veterinaria

Le app della salute

•segueapag.8•

•apag.32•

•apag.30•