n editoriale di R. Ferrari

Poco spazio

alle interpretazioni

Addio a corsivo e acronimi

capitato a tutti noi di ritrovarsi di fronte a una ricetta

medica incomprensibile. In farmacia ne vediamo decine

al giorno e siamo abituati a decifrare simboli, abbrevia-

zioni e linee tortuose generati dalla scrittura veloce dei

medici. Ci aiutano gli anni di esperienza quotidiana al banco

e una conoscenza approfondita dei farmaci, ma non siamo

infallibili. Ai comuni cittadini va molto peggio, il loro occhio non

allenato interpreta con difficolt

à le indicazioni del medico e il

rischio di sbagliare la terapia

è elevato (circa il 5% degli errori

in medicina, secondo uno studio americano).

Questi dati hanno convinto il Ministero della Salute a diramare

un documento intitolato “Raccomandazione per la prevenzione

degli errori in terapia conseguenti all’uso di abbreviazioni, acro-

nimi, sigle e simboli”, che fornisce indicazioni utili a prevenire

gli errori di interpretazione dovuti all’utilizzo di simboli usati

comunemente nel linguaggio dei medici e nelle loro prescri-

zioni. La prima ovvia considerazione è riferita all’utilizzo della

scrittura a mano in carattere corsivo, che dovrà essere sosti-

tuito dallo stampatello. Nonostante la ricetta dematerializzata

sia molto diffusa, queste prescrizioni sono ancora numerose,

pensiamo per esempio alle ricette specialistiche o a quelle

per le preparazioni galeniche. Nel caso delle ricette redatte

a computer, le abbreviazioni e le sigle spesso non aiutano e

generano incomprensioni anche gravi. Molto interessanti nella

tabella allegata al documento - che vi invito a consultare - l’in-

dicazione di riportare il nome del principio attivo per esteso

evitando acronimi o formule chimiche e, nel caso di farmaci

in soluzione, quella di individuare la dose del farmaco e la sua

concentrazione; sono sconsigliati gli schemi posologici ambigui

o indicazioni generiche come “un cucchiaino”, “ al bisogno” e

le abbreviazioni in latino o in lingua inglese.

Apprezzabile dunque la presa di posizione del Ministero, in

totale sintonia con quanto sottolineato più volte dalla Federa-

zione degli Ordini: per la sua centralità nel processo di cura, il

farmaco (nelle fasi di prescrizione, preparazione e dispensa-

zione) è un elemento critico nella gestione del rischio clinico.

Il farmacista può svolgere un ruolo di primo piano nella pre-

venzione dell’errore, confrontandosi con il medico e verificando

la correttezza della prescrizione prima che la terapia venga

somministrata.

VETERINARIA

La pet beauty impazza

anche in Italia

L'area veterinaria offre molte opportunità di vendita a parte il

farmaco. Se nell'immaginario collettivo è normale

associare il mondo dei cosmetici ai diversi

prodotti del personal care, in un affascinante

mondo parallelo e sempre più in

espansione, possiamo affiancare

ad antiparassitari e antibiotici la

cosmetica per gli animali. Delicate

note olfattive, salviettine profumate

anti-batteriche e anti-prurito e molto

altro. Il benessere degli animali passa dalla

farmacia, che ha ufficialmente aperto

le porte al grande mercato del pet care.

INCHIESTA

L'avanzata dei capitali

(ma gli indipendenti non stanno a guardare)

Il punto a un anno e mezzo dalla liberalizzazione del settore farmacie

I protagonisti

in provincia di

Pesaro-Urbino

www.farmacianews.it

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

PROFESSIONE

FARMACOLOGIA

GESTIONE

L'intelligenza artificiale potrà fare la

differenza nella personalizzazione

delle offerte, nel servizio clienti e

nella gestione dell'inventario: spunti

avveniristici che tracciano la strada.

CREDITI ECM,

RECUPERARE SI PUÒ

Chi non ha completato l'acquisizione

del crediti ECM nello scorso triennio

2014-2016, potrà farlo nell'anno in

corso. E con i crediti si ottiene

la certificazione.

COME SI CURA

LA FIBROMIALGIA

IL FUTURO

IN FARMACIA

Sintomi, diagnosi e terapia della

fibromialgia, sindrome cronica le

cui cause sono oggetto di studio e

per cui sono utili farmaci, ma anche

supporto psicologico e riabilitazione.

•apag.12•

•apag.26•

•apag.40•

FN_BIOCOLL genn19.pdf

1 05/12/18

09:49

ISSN 1590-3699 - Mensile - Anno XXVII - n° 2 - Febbraio 2019

C

All’interno

l’inserto

staccabile

con i Corsi

ECM 2019

da 35 crediti

F

a

r

m

a

c

i

a

N

e

w

s

|

f

e

b

b

r

a

i

o

2

0

1

9

9

0

0

0

2

>

9

7

7

1

5

9

0

3

6

9

0

0

6

A

20 50 100

l lupo, al lupo! È stata questa la

prima reazione dei farmacisti

alla pubblicazione in Gazzetta

Ufficiale della legge 124/17. "Ar-

rivano le società di capitali a sna-

turare la professione", "la competizione sarà

insostenibile", "calerà il livello del servizio"...

A un anno e mezzo dalla liberalizzazione

del mercato, però, i principali attori presenti

sulla scena italiana sono quattro; le acqui-

sizioni di farmacie indipendenti procedono a

ritmo lento; e, mentre scriviamo, il futuro del-

le società di capitali, nel loro assetto attuale, è

in discussione per via degli emendamenti al

ddl Semplificazioni.

A voler ben guardare, il fenomeno dei capitali

A fianco degli anziani

INTEGRAZIONE

ATTUALITÀ

oltre

200 500 1000

è, sì, un assillo, ma presenta anche un rove-

scio della medaglia: funge da stimolo. Un ef-

fetto collaterale non trascurabile.

Mentre il settore si trasformava e la polemica

s'ingrossava come un'onda di burrasca, per

esempio, Federfarma e Federfarma Servizi

creavano Sistema Farmacia Italia, libera asso-

ciazione che punta a sostenere gli imprendi-

tori e la loro professione. Grazie al ddl concor-

renza, oggi si parla ancor di più di puntare sui

servizi, prendere in carico i pazienti cronici,

incrementare la formazione, eccetera. E poi,

non tutti i soggetti coinvolti nel vasto sistema

delle farmacie italiane vedono l'ingresso dei

capitali in maniera negativa. Qualche voce

fuori dal coro c'è. E va ascoltata...

FARMACI

Sportivi e amatori

a caccia di energia

Complici gli stravizi delle festività

natalizie e l’approssimarsi della

primavera, in questo periodo molti

desiderano una remise en forme.

Semplici appassionati o veri e propri

atleti, i clienti entrano in farmacia

per trovare l’integratore più adeguato

all’attività fisica scelta. Quali sono i

prodotti più indicati? Quali i dosaggi

corretti e la tempistica per salvaguardare

la salute e aiutare il corpo nelle sessioni

sportive? Ve lo diciamo noi...

Evoluzione del cosmetico

Il mercato dei cosmetici si rifà il trucco e nasce una proposta

ecocompatibile che è in linea con i tempi e con le richieste. Ma non

è di sola apparenza che si nutre questo settore:

l'esigenza di prodotti dermo e ecocompatibili è più

che mai sentita, tanto che Skineco, associazione

internazionale e multidisciplinare dedicata allo

studio di queste tematiche,

ha pubblicato il decalogo per

cosmetici consapevoli e sostenibili.

Il canale di vendita ideale per

queste formulazioni?

La farmacia,

ovviamente.

•apag.36•

•apag.32•

•apag.14•

•apag.4•

1

APPUNTAMENTI

Cosmofarma 2019

relazioni al centro

Si rinnova l'appuntamento con

la manifestazione internazionale

dedicata al settore delle farmacie,

in programma dal 12 al 14 aprile

a Bologna. L’esigenza di tornare

a personalizzare il rapporto con

il paziente sarà il tema centrale

di questa edizione. A parlarcene,

Roberto Valente, direttore di

Cosmofarma Exibition.

in politerapia

Assumere quotidianamente

cinque o più farmaci per patologie

croniche è pericoloso: alcune

reazioni avverse potrebbero anche

essere fatali; più semplicemente

una terapia potrebbe essere

depotenziata e non avere effetti.

Se il paziente è anziano, poi, c'è

anche il rischio di dimenticanze.

La consulenza e il controllo da

parte di un farmacista preparato

sul tema assumono un'importanza

strategica.

•apag.8•

•apag.30•

•apag.4•