ISSN 1126 2737 - Bimestrale - Anno LVII - settembre 2017 - Poste Italiane SpA - Sped. in abbon. postale - D.L. 353/2003 (con. in L. 27/02/04 n.46) art. 1, comma 1, DCB Milano

We make

difference

4

nella

Un “Super Load Sensing”

fabbrica4.0

I

perpressaremeglio

www.trasmissionidipotenza.it

■ EDITORIALE

■ OLEODINAMICA ■

Comunicare

In questo numero

RifT1_Make-the-difference2017_.ind

d

1/03/1711:35

1

8 PNEUMATICA

3

Trattamento

dell’aria compressa

Si può effettuare

una verifica

dell’aria compressa

prima dell’impiego

nel sistema

pneumatico.

12 MECCANICA

Nuove cinghie

per una gamma

più ampia

Megadyne

ha ampliato e

consolidato la propria

offerta produttiva

con soluzioni versatili

e resistenti.

20 OLEODINAMICA

Tenuta totale

Sistemi di tenuta

per il settore

idraulico e

pneumatico

sono prodotti

da Hallite dal 1903.

22 MANUTENZIONE

Le famiglie

tecniche

È possibile

identificare un

comune programma

di manutenzione

ordinaria per

determinati gruppi

funzionali.

Paolo Stefanini

limiti degli impianti Load

fresca la notizia di stampa che FCA, nel proprio

Sensing, soprattutto in cer-

stabilimento di Cassino, in collaborazione con

te situazioni, sono diven-

tati presto evidenti. Ed è

per questo che si è chiesto aiuto

all’elettronica non appena è stato

possibile. Con risposte concrete

e immediate grazie all’introdu-

zione dei segnali elettrici e alla

gestione elettronica di pompe

e distributori.In Parker hanno

sicuramente avuto la stessa idea

quando, sulle presse multi-asse, è

nata la necessità di avere più lavo-

razioni diverse fra loro e, quindi,

esigenze idrauliche altrettanto di-

verse. L’introduzione della pom-

pa “Electronic Load Controlled

Pump” (eLCP) va proprio nella

direzione della sostituzione del

feedback idraulico tipico degli

impianti Load Sensing per sosti-

tuirlo con un segnale elettrico. Il

Samsung, ha dotato alcuni operai di smartphone

e smartwatch, analoghi a quelli in vendita, con l’obiet-

tivo di accorciare i tempi di lavoro, modernizzare l’in-

tero ciclo produttivo e sgravare gli addetti sulle linee

da alcuni carichi di lavoro. Per mezzo degli smartwatch

gli operatori possono convalidare un’operazione da

remoto oppure chiedere l’intervento di un capo area,

senza doversi per forza recare ogni volta al computer

del banco di lavoro. In questo modo la FCA sviluppa

uno degli aspetti più interessanti della Fabbrica 4.0,

focalizzato sulla realizzazione di un posto di lavoro

ecosostenibile e tecnologico, dove migliorano i livel-

li di qualità, efficienza e digitalizzazione rispetto a

quanto si vede oggi nella maggioranza delle fabbriche.

L’utilizzo di strumenti smart è per adesso limitato a

pochi settori, in particolare a quelli dove è richiesta

una maggiore precisione negli assemblaggi: l’operaio

riceve sullo smartwatch la lista delle operazioni da

compiere sul veicolo (differenti a seconda dell’alle-

stimento o del mercato) e, una volta completate, le

registra all’interno di un programma apposito: si tratta

in estrema sintesi di un’evoluzione in chiave moderna

dei faldoni cartacei utilizzati fino a pochi anni fa (li

chiamavano lasagne!). Comprensibilmente, l’impiego

di strumenti ed applicazioni “smart” non è stata an-

cora realizzato nei reparti di verniciatura e lastratura,

dove invece la componente umana ha un rilievo mi-

nore, complice il grande lavoro svolto dai macchinari

automatizzati. Ben vengano quindi smartwatch e altre

diavolerie se, come promettono, permetteranno real-

mente di evitare o almeno ridurre gli errori, miglioran-

do così l’efficienza globale dei processi e la qualità

costruttiva dei nostri prodotti.

sistema impie-

ga una valvola

proporzionale

ad alta risoluzio-

ne il cui controllo

della pompa regola la pressione

diff renziale a cavallo della val-

vola stessa. I vantaggi sono evi-

denti: prima di tutto le inerzie

idrauliche legate alle forze dei ci-

lindri e dei motori idraulici sono

completamente ininf luenti sia

per la velocità che per eventuali

altre utenze collega-

te all’impianto. Infatti il valore di

pressione a valle della valvola di

regolazione portata della pompa è

portato elettronicamente, median-

te un sensore, alla valvola propor-

zionale che sovrintende il controllo

di pressione della pompa.

n

Pag.16n

Industria 4.0, cultura e tecnologia

■ MECSPE 2018 ■

Per contribuire alla definizione di una mappa com-

petitiva per il sistema produttivo delle PMI italiane,

tutte le iniziative della prossima edizione di MECSPE

saranno rivolte ad esaltare la flessibilità, l’efficienza

e il contenimento dei consumi, nella fabbrica di og-

gi e di domani, attraverso gli elementi distintivi della

quarta rivoluzione industriale. In particolare, il tema

della “Fabbrica digitale 4.0” sarà raggruppato nuova-

mente in fiera in un intero padiglione (Pad. 4), dove

il visitatore potrà toccare con mano lo stato dell’ar-

te del nuovo “manufacturing made in Italy”, ammi-

rando come dall’integrazione delle tecnologie abili-

tanti si delinei un manifatturiero sempre più evolu-

to e interconnesso. Poich

é inoltre i materiali e le rela-

tive tecnologie rappresentano un aspetto sempre pi

determinante nella de

finizione dei processi, è nato il

“Nuovo salone dei materiali non ferrosi e leghe” (al-

luminio, titanio, magnesio, compositi e tecnologie),

una nuova area che, attraverso dimostrazioni prati-

che e conferenze tematiche, offrirà ai visitatori inte-

ressanti spunti di trasferimento tecnologico e nuove

soluzioni di progettazione e realizzazione di manu-

fatti leggeri. L’automazione invece, sarà protagonista

assoluta del Padiglione 5 di Fiere di Parma, con ben

cinque saloni sinergici.

n

Pag. 2 n

■ PNEUMATICA

A misura di cliente

IMI Precision Engineering lancia alcune novità nel settore

del trattamento dell’aria; tra queste è da segnalare

l’esordio di IMI Norgren Excelon Plus. Piccola e

leggera, è un’unità per il trattamento dell’aria di

ultima generazione. Si tratta di un Filtro Regolatore

Lubrificatore (FRL) che si adatta perfettamente a

qualunque applicazione industriale, coniugando

compattezza, leggerezza, ottime prestazioni e una

particolare attenzione alla sicurezza. Di serie vengono

forniti infatti particolari sistemi progettati per impedire

eventuali manomissioni, che comprendono dispositivi di blocco sulle

valvole di intercettazione e sul regolatore e una valvola di intercettazione

rotante di sicurezza, che facilita l’isolamento del sistema senza

pregiudicarne le prestazioni. Infine, è presente un unico blocco di sicurezza

doppio della tazza, con un fermo dallo scatto udibile che, una volta in

pressione, impedisce la rimozione della tazza durante l’uso. Pag. 10

■ MECCANICA

Attuatori lineari meccanici di precisione

Moltissimi sono i settori dell’au-

tomazione industriale in cui gli

attuatori lineari ISOMOVE-E (re-

cente novità tra i prodotti au-

tomation fabbricati dal Gruppo

Setec) possono essere impiega-

ti. Uno dei più ampi è il setto-

re della manipolazione. Esem-

pi sono l’utilizzo nei sistemi ri-

baltatori di lastre in vetro oppu-

re nelle pinze di ultima genera-

zione dei pallettizzatori evoluti.

Sono adoperati anche nell’area

della simulazione, come nel ca-

so dei simulatori di volo; a que-

sto proposito un sistema è sta-

to sviluppato con il Politecnico di

Torino. Un altro ambito è quello

della plastica. Alcuni clienti usa-

no gli attuatori lineari Isomove-E

all’interno di macchine soffiag-

gio plastica, altri nei sistemi di

termoformatura. Nel settore ali-

mentare questi prodotti sono

usati per esempio nelle macchi-

ne di riempimento con dosatura

volumetrica. Anche nel campo

della logistica questa tipologia

di attuatore può giocare un ruolo

fondamentale, per esempio nel

caso del carrello elevatore au-

tomatico senza uomo a bordo.

Pag. 14

1

the

F

L

U

I

D

t

r

a

s

m

i

s

s

i

o

n

e

d

i

p

o

t

e

n

z

a

s

e

t

t

e

m

b

r

e

2

0

1

7