5

8

MECCANICA

Tecnologie per

molteplici applicazioni

Gimatic offre

tecnologie destinate

a svariati settori

e mercati, primo tra

tutti l’Automotive,

ma anche il Factory

Automation, il Food

and Beverage,

il Farming etc.

14 PNEUMATICA

Attuatori elettrici

o pneumatici?

Oggi entrambe le

tecnologie appaiono

ben sviluppate,

con un buon livello

di maturità che

garantisce lunga

durata e alta

affidabilità.

22 MANUTENZIONE

La cura per i giganti

del mare

BAM utilizza

un sistema basato

sull’uso della

termografia per una

più rapida ispezione

delle pale, in fase

di produzione

e “sul campo”.

24 OLEODINAMICA

Soluzioni composte

per le tenute

Engineered Materials

Group di Parker

Hannifin Corporation

offre soluzioni

composte avanzate

in diverse combinazioni

di materiali.

Paolo Stefanini

1

■ PNEUMATICA

Microfusioni “chiavi in mano”

Come produrre diversi tipi di componenti

a costi competitivi, senza compromettere

la qualità finale? EDR Fittings si propone

come partner dall’esperienza ventennale nella

gestione a trecentosessanta gradi di progetti

che vengono realizzati nei mercati asiatici,

da produttori affidabili e certificati, in grado

di assicurare alta qualità e perfetta

rispondenza alle richieste del cliente.

L’azienda offre infatti una consulenza tecnica

sulle migliori tecnologie utilizzabili per

ogni tipologia di prodotto da realizzare,

e seleziona uno dei propri partner asiatici

altamente qualificato in quel tipo di processo

e lavorazione. EDR Fittings segue poi

direttamente sul posto tutta la realizzazione

dei componenti, assicurando al cliente finale

un risultato ottimale a costi molto competitivi.

I partner asiatici vengono sottoposti ad

accurati audit e si attengono scupolosamente

al Quality agreement stipulato con l’azienda

italiana, come previsto dalle procedure della

certificazione ISO 9001 e DNV. Pag. 18

ISSN 1126 2737 - Bimestrale - Anno LIX - ottobre 2019

■ EDITORIALE

Terotecnologia

S

econdo la tradizione mitologica, l’eroe

Teseo era salpato con una nave per

Creta e, con l’aiuto del dio Apollo, ave-

va sottratto gli ostaggi prigionieri nel labirin-

to, al giogo del Minotauro. Come ringrazia-

mento gli ateniesi conservarono la Nave di

Teseo per mille anni. Chi fa manutenzione si

comporta come gli antichi ateniesi? L’azione

di mantenimento o di conservazione (teros),

che gli anglosassoni chiamarono “terotecno-

logia”, è sempre implicita nelle varie defini-

zioni, anche se l’interpretazione moderna

deve considerare anche gli aspetti legati al

miglioramento delle prestazioni dei beni og-

getto di manutenzione. Le politiche di manu-

tenzione si sono sviluppate in modo consi-

derevole negli ultimi decenni, favorite dalla

altrettanto rapida evoluzione tecnologica.

Chiunque applicasse rigorosamente le nor-

mali politiche della manutenzione ordinaria

(sostituzione a guasto o prevenzione) ad un

impianto qualsiasi, potrebbe constatare che,

dopo anni di utilizzo, una macchina longeva

ha visto progressivamente sostituiti (quasi)

tutti i propri componenti, senza tuttavia cam-

biare la propria struttura originaria. Tuttavia

lo schema più moderno della manutenzione,

forte dell’esperienza delle metodologie sopra

citate, ha aggiunto un ulteriore fondamenta-

le tassello: il processo di miglioramento con-

tinuo (kaizen). Il processo di manutenzione

nel suo senso più completo deve contenere

questo aspetto: la continua ricerca del mi-

glioramento delle prestazioni, sia in termini

di efficacia che di efficienza, un concetto che

evidentemente supera il semplice obiettivo

della conservazione.

■ MANUTENZIONE ■

P

Ricambi di manutenzione

In questo numero

www.trasmissionidipotenza.it

rosegue la trattazione del

tema ricambi di manuten-

zione, iniziata nel primo

fascicolo del 2019. Con i

termini “ricambi” e “materiali tecnici”

s’intendono quei materiali che ven-

gono montati su un mezzo di lavoro

in sostituzione di organi, ad essi fun-

zionalmente equivalenti, che si trova-

no in stato d’avaria. I materiali che la

manutenzione utilizza per assicurarne,

mantenere e ripristinarne il funziona-

mento, vengono suddivisi in classi in

modo da agevolarne la gestione. I cri-

teri di classificazione si possono basare

su varie proprietà dei materiali, tuttavia

quello più seguito si rifà alla loro natura

commerciale; si distinguono di conse-

guenza le seguenti classi: materiali di

consumo, cosi chiamati perché ven-

gono “consumati” diffusamente pres-

soché indipendentemente dal tipo di

azienda, non sono ricambi in quanto

non sono espressamente deputati a so-

stituire materiali similari (olio, viteria,

guanti, vernice, ecc.); ricambi generici,

non legati a un determinato bene, ac-

quistabili su piazza e standardizzati in

base a caratteristiche fisiche, chimiche e

geometriche (cuscinetti, giunti, motori

elettrici, cilindri idraulici, ecc.); ricam-

bi specifici, espressamente progettati e

costruiti per uno o al massimo pochi

beni, debbono essere realizzati a dise-

gno o acquistati dal loro costruttore

monopolista; materiali grezzi o semi-

lavorati, cioè materiali da cui ricavare

per lavorazioni successive i ricambi

RifU2_SVEVA-CIBUSTEC_.indd 1

specifici (barre, tondi, piatti, ecc.). Il

codice contiene organicamente i para-

metri necessari a identificare un mate-

riale univocamente secondo le esigenze

aziendali. Esprimendo le caratteristiche

salienti del materiale da codificare,

può assumere forme variabili tra due

esterni: presentare un elevato grado di

strutturazione formale oppure essere

una semplice descrizione letterale in

linguaggio naturale. All’interno di tale

intervallo esistono infinite formulazio-

ni di codifica.

n

Pag.20

n

03/07/19 09:07

■ MECCANICA ■

Ingranaggi standard

in pom e polichetone

La ricerca di prestazioni specifiche sempre più spinte

intensifica l’attività di metal replacement in numerosi

settori applicativi fra cui Automotive, Medicale, Ae-

rospaziale, Elettrico ed elettronico. Basti pensare che,

attualmente, circa il 16% di peso in un veicolo è di pla-

stica, e si ritiene di raggiungere almeno il 25% entro i

prossimi cinque anni. I progetti di metal replacement

richiedono competenze ed esperienze pluriennali e

multi-settoriali nell’intera filiera del processo partendo

dalla materia prima la cui scelta appropriata garantisce

la qualità del prodotto e la sicurezza del risultato. Sta-

gnoli si cala perfettamente in questo contesto perché,

da oltre trent’anni, è leader nella progettazione e nella

Diesse Presse produce e com-

mercializza presse di tranciatu-

ra per getti pressofusi, a 4 co-

lonne e a collo di cigno, a livello

internazionale. Qualità del pro-

dotto e servizio post-vendita so-

no i punti fondamentali su cui

Diesse Presse ha sempre pun-

tato nell’ottica di instaurare con

il cliente una forte sinergia e un

rapporto duraturo nel tempo. Sensibile alla si-

tuazione ambientale e alla richiesta globale di

energia, Diesse Presse ha recentemente lan-

ciato sul mercato la nuova linea Saving Evolu-

tion. Considerando un ciclo di produzione au-

produzione di organi di trasmissione in tecnopolime-

ro; a catalogo dispone, infatti, di un’ampia gamma di

ingranaggi cilindrici, coppie coniche, pulegge, pulegge

tendicinghia, pignoni, pignoni tendicatena, giunti, cre-

magliere e riduttori epicicloidali in PA6 caricato fibra

di vetro le cui caratteristiche geometriche e dimen-

sionali si rifanno alle normative standard UNI 6773 e

UNI 4760. Un’ulteriore caratteristica vantaggiosa degli

articoli Stagnoli è la completa intercambiabilità con i

rispettivi prodotti in metallo, caratteristica che li rende

funzionali e perfettamente idonei al metal replacement

in qualsiasi tipologia di applicazione già esistente.

n

Pag.10

n

Presse

■ OLEODINAMICA

estremamente sicure

tomatico con carico da robot,

tranciatura e scarico con eva-

cuatore pneumatico di ultima

generazione, risulta molto evi-

dente quanto i tempi di attesa

della pressa di tranciatura in-

cidono sullo spreco di energia

elettrica e acqua per il raffred-

damento del fluido. Il sistema

Saving Evolution, grazie a un si-

stema motore brushless+pompa+inverter e un

software dedicato, unisce a un elevato rispar-

mio di energia elettrica (circa 60-70%) un al-

trettanto importante risparmio idrico.

Pag. 12

F

L

U

I

D

t

r

a

s

m

i

s

s

i

o

n

i

d

i

p

o

t

e

n

z

a

o

t

t

o

b

r

e

2

0

1

9