organo ufficiale

PRODUZIONE

ISSN 1724-6865 • Anno XVI • N° 5 - ottobre 2019 • Bimestrale

• EDITORIALE •

Stefano Colletta stefano.colletta@tecnichenuove.com

La vita è un insieme di attimi,

costanti e quotidiane esperienze.

Ogni persona ha le proprie. Sempre

diverse dalle altre, sempre uniche.

Con loro e grazie a loro ci costruiamo

e cresciamo in un processo di

edificazione di noi stessi muovendo

un passo dopo l’altro. E cosa cambia

per una azienda metalmeccanica.

Assolutamente nulla. Ogni azienda

muove i propri passi, fa le proprie

esperienze in un costante processo

di sviluppo, con un moltiplicatore

interno impressionante, in quanto dire

“azienda” sta a significare somma di

dipendenti ed oggi macchine 4.0, che

generano idee, soluzioni, esperienze

condivise e da condividere per il

proprio miglioramento e di quello

generale. Ma nella vita molti di noi

si accontentano di ciò che vedono,

senza chiedersi se sia esattamente

corrispondente alla reale realtà.

Sfogliando Subfornitura News di

settembre 2019, mi sono imbattuto

in una pubblicità di un’azienda che

ha deciso di mettere in primo piano

una bella bimba. Facciottto dolce,

occhioni verdi, con una espressione

tra il serio ed un delicato broncio. Fin

qui tutto normale. La bambina però

ha un braccio leggermente tirato su

e con la sua manina fa un particolare

gesto. Fa le corna. Questa pubblicità

è stata per me un’esperienza, un

momento in cui ho dovuto cercare

e trovare quel dettaglio con il quale

scardinare gli schemi mentali, gli

stereotipi, le abitudini. E penso di

esserci arrivato. Ecco quindi che con

questi due elementi, da una parte vita

aziendale come insieme costante di

esperienze di persone e macchine, in

una articolata rete di clienti e fornitori,

e dall’altra la costante ricerca del

dettaglio che ci permette di vedere

la vita non secondo gli stereotipi le

abitudini le consuetudine, è possibile

fare, produrre, realizzare quanti altri

non riescono. Con questo spirito, la

meccanica italiana in questo autunno

2019, esporta all’estero a partire

dalla Germania (primo paese per le

nostre esportazioni ad esempio di

macchine utensili, comparto in Italia

che fattura circa 7 mld di euro) la

nostra capacità di saper sognare

prima ancora di produrre e realizzare

ciò che sogniamo, perché in grado di

vedere i dettagli in un contro-puzzle

fatto di tante clip non convenzionali.

E ricordiciamoci che non c’è crescita

senza conoscenza e senza esperienze

ma soprattutto senza la capacità

di vedere con i nostri occhi ciò

che si cela, per progettare ciò che

ancora non c’è, il futuro. Con questo

spirito siamo ad esempio entrati,

e direi anche prepotentemente,

nel complesso mondo dei sistemi

di visione che attraverso algoritmi

basati su concetti di deep learning e

reti neuronali, si hanno ispezioni dei

processi produttivi con processi di

qualità in tempo reale, e una nuova

dose di informazioni da gestire, utili al

miglioramento compelessivo specie

rispetto alla manutenzione predittiva.

Crediamo ancora che ciò che vediamo

sia l’unica reale verità? Il futuro deve

ancora arrivare. Voi cosa ne pensate?

• F O C U S - P L A S T I C A E D I N T O R N I ·

Parola ai materiali innovativi

Ci siamo rivolti a quattro importanti aziende per capire come sta cambiando il mondo della plastica

e della gomma, e delle relative lavorazioni e trasformazioni.

In questo numero

Crediamo in ciò

che vediamo

ELETTRONICA

Non solo cablaggi elettrici

Presente sul mercato da 26 anni, Cablo-

tech dedica grande attenzione alle esi-

genze dei clienti, con il preciso obietti-

vo di garantire loro un servizio sempre

attendibile ed efficiente.

8

TRATTAMENTI

E FINITURE

I micron della passione

Vannodai3finoai50imi-

cron dei rivestimenti effet-

tuati dalla cremonese Mi-

cron srl per un processo di

cui è stata fra le prime inter-

preti in Italia, diventandone

in seguito leader grazie a un

mix di tecnologie innovative

e passione.

10

12 STAMPIE

STAMPAGGIO

Dalla lamiera alla plastica

Raccontiamo le trasformazioni tecno-

logiche che sta affrontando un’azienda

piemontese costruttrice di stampi, l’At-

trezzeria Vittoni di Mergozzo (VB) per

ampliare il mercato ed essere ancora

più competitiva.

18 VITERIE

Dall’idea alla produzione in serie

Progettare e realizzare un nuovo siste-

ma di fissaggio partendo da un’idea ed

arrivando alla produzione in serie del

prodotto concreto: è questa la mission

della viteria Milani Enrico S.r.l. di Brivio

(LC), incontrata nella provincia di Lecco.

22 LAVORAZIONI

MECCANICHE

Che bel pezzo tornito!

È questa l’esclamazione di stupore che

nella torneria Alberto Ognibene S.r.l. di

Castello di Serravalle (BO) desiderano

venga pronunciata da chiunque osser-

vi un particolare meccanico di alta pre-

cisione appena sganciato dal mandrino

di un loro tornio.

di Vittorio Pesce

L

a profonda trasformazione

del comparto industriale

riguarda molti ambiti ap-

• GESTIONE •

Il mercato, oggi, pretende prodotti

sempre più smaltibili e riciclabili.

Questo può essere ottenuto

mediante l’utilizzo di plastiche

biocompostabili.

conformità a normative sempre

più stringenti. Per fare il punto

della situazione, abbiamo coin-

volto quattro esperti di altrettante

imprese di riferimento del settore:

Fedele Boschello della Boschello

Fede, Marco Dal Sasso della DS

plicativi; uno dei più importanti è

certamente quello legato ai mate-

riali termoplastici e alle gomme, in

particolare per i settori ad elevato

valore tecnologico che chiedono la realizzazione di

manufatti dalle prestazioni sempre più spinte e in sei della Termogomma.

Group, Amedeo Baldelli della LIMA e Armando Bus-

■ servizio a pagina 6

EVENTI

Conto alla rovescia

per MECSPE BARI

Quanti sono i giovani in cerca di

lavoro che lasciano il Mezzogiorno?

Gli ultimi dati forniti dal Rapporto

Svimez 2019 su “L’economia e la

società del Mezzogiorno” evidenziano

che tra il 2002 e il 2017 sono state

oltre 2 milioni le persone ad emigrare

dal sud Italia e isole, di cui 66.557

appartenenti alle giovani generazioni

(50,4% giovani, di cui il 33% laureati).

Un quadro a cui l’indagine di Excelsior

Unioncamere e ANPAL risponde

a livello generale mostrando sì la

riduzione del numero di opportunità

lavorative nei primi mesi del 2019

rispetto allo stesso periodo del 2018,

ma facendo emergere altresì che in

alcuni settori industriali, tra cui la

meccatronica e il manifatturiero, gli

sbocchi professionali sono in netta

controtendenza. Posti di lavoro, in

ambiti fondamentali per la crescita e

la competitività del territorio, che gli

imprenditori faticano a reperire per

una mancanza di specializzazione. La

parola chiave, dunque, per colmare

questo divario fra domanda e offerta

lavorativa, sembra essere sempre

di più una tra tutte: formazione. Di

questo e delle opportunità che le

aziende possono offrire oggi grazie

all’introduzione sempre più massiccia

delle nuove tecnologie si parlerà

a MECSPE Bari, la prima edizione

organizzata da Senaf per i giovani e le

imprese manifatturiere del Centro e Sud

Italia e del bacino del Mediterraneo, che

si terrà dal 28 al 30 novembre, presso la

Nuova Fiera del Levante.

■ servizio a pagina 15

Impresa 4.0 e le

attività commerciali

L’attività commerciale sta subendo una decisa evoluzione sia per la natura

diversa del prodotto/servizio 4.0 ma anche nella modalità di esecuzione.

Enrico Sesini

« Il mix fra figure commerciali

con esperienze consolidate

ma attente alle evoluzioni e

nuove figure maggiormente

confidenti con le nuove

tecnologie commerciali,

risulta la soluzione che

garantisce all’azienda uno

sviluppo coerente dell’azione

commerciale nel nuovo

contesto 4.0 »

L’

Impresa 4.0 è l’i-

nevitabile svi-

luppo, ricco di

opportunità ma anche

di “rischi”, che prevede

l’utilizzo sempre mag-

giore di tecnologie di-

gitali nelle attività e nei

processi industriali. L’impatto più “vi-

sibile” e “accattivante” lo troviamo sui

processi produttivi e su come le tecno-

logie digitali sono pervasive nei prodot-

ti e servizi. Ma non meno rilevanti so-

no le evoluzioni che ritroviamo negli al-

tri processi aziendali a partire da quello

commerciale. Nell’articolo si parte dal-

la natura del prodotto/

servizio 4.0 ed i suoi

impatti sulla azio-

ne commerciale per

poi affrontare i cam-

biamenti nelle classi-

che attività commer-

ciali, quali: gestione

dei clienti acquisiti, acquisizione nuovi

clienti e recupero dei clienti persi. Quel-

la che emerge è una figura Commercia-

le più complessa e sfaccettata, ma sicu-

ramente più avvincente, che mostra

una maggiore integrazione con gli al-

tri processi aziendali.

■ servizio a pagina 26

1

ottobre 2019 - Subfornitura News

9

7

7

1

7

2

4

6

8

6

0

0

9

9

0

0

0

5

>