• Anno XII • N° 1 - febbraio 2015 • Bimestrale • Poste Italiane SpA - Sped. in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano • ISSN 1724-6865

FIERA DI PARMA

26/28 MARZO 2015

PAD.06 - STAND D19

organo ufficiale

PRODUZIONE

MERCATO

Tunisia

A soli 140 km ecco

tutte le possibilità di

internazionalizzazione e di

insediamento di nuovi poli e

attività per le PMI Italiane.

pag. 8

SPAZIO GIUSTIZIA

Brevetto

per invenzione

In che modo le aziende

meccaniche possono tutelare

l’innovazione e difendersi dalla

concorrenza sleale?

pag. 10

LAVORAZIONI

La tecnologia

ad ultrasuoni

Approfondimento sulle

molteplici possibilità della

lavorazione non convenzionale

con gli ultrasuoni.

pag. 20

RETE D’IMPRESA

Da Brescia

al mondo

Asta.net: l’unione di

20 aziende bresciane

specializzate nelle forniture

alle fonderie e all’industria

automotive.

• a pag 14 •

SPAZIO

COMMITTENTE

Cercansi terzisti

Made in Italy

Storia di un’eccellenza

del design industriale

italiano che cerca ora di

far ritornare la propria

produzione in patria.

• a pag 16 •

DENTRO LE AZIENDE

Componenti

di qualità

Conoscenza del mercato

asiatico e alta qualità con

costi di produzione ridotti:

scopriamo i punti di forza

di EDR Fittings.

• a pag 23 •

■ EDITORIALE

S come Strategia,

INCHIESTA LA SUBFORNITURA IN GERMANIA

S

trategia è la descrizione di un

piano di azione di lungo termine

usato per impostare e poi

coordinare una serie di azioni al

fine

diraggiungere gliobiettivipre

fissati.

Il concetto di strategia si applica

a tutti i settori, nessuno escluso.

Michael Porter, autorit

à nel campo

delle strategie competitive e dello

sviluppo economico delle nazioni,

Professore alla Harvad University,

riconosciuto come il padre della

strategia moderna, sostiene che

l’obiettivo finale di una strategia è

quello di raggiungere un alto ritorno

sull’investimento. Sostanzialmente

il tema principale per Porter

è la

redditività. Sempre Porter a

fferma:

“Con una strategia vincente potete

diventare grandi e fare alti profitti!

E quindi dobbiamo ricordarci,

nell’impostare le nostre strategie, che

noi dobbiamo prefiggerci il pro

fitto

come scopo principale, altrimenti

ci sarà grande confusione nelle

nostre società e verranno prese delle

decisioni sbagliate.” Forse quando

esprimeva questo concetto, pensava

all’Italia? Esiste ancora nel nostro

paese la conoscenza del termine

strategia? Abbiamo la possibilit

di pensare ad una strategia sulla

siderurigia italiana che si traduca in

azioni, in tattica, e sulla redditivit

del comparto e quindi di ogni

singola azienda che lo compone?

Riuscieremo nel 2015 a parlare di

programmazione in questo settore

(cosi come in altri) a medio e lungo

termine? Dobbiamo fare questo

sforzo, mettere questo aspetto nelle

priorità delle nostre aziende e del

nostro governo. Intanto nel 2013

il comparto siderurgico italiano

non ha prodotto valore aggiunto.

Il 30% delle imprese hanno chiuso

in perdita rispetto al 2012; il 66% in

pareggio; il restante 4% ha chiuso

con un bilancio positivo. Se non si

partirà da questi aspetti e non si

inizierà a produrre valore aggiunto, si

entrerà inevitabilmente in un circolo

vizioso dal quale si far

à fatica ad

uscire, anche perch

é i costi strutturali

di gestione delle imprese e del

credito, diventeranno insopportabili.

Quindi siamo ad un bivio.

O adottiamo una politica del

costante ribasso dei prezzi

(impensabile), oppure rilanciamo

il settore strutturando un piano

strategico da oggi

fino al 2030.

Certamente la situazione colpisce

i produttori, i centri servizi, le

istituzioni, prive di concretezza nelle

idee di sviluppo, e persino l’Europa.

Ma ricordiamoci che il mondo è

grande e le economie diverse.

Cosi

è diversa la Cina che ha fatto

registrare un +67% dal 2007 al

2013; l’India +45%; Polonia +20,4%;

Australia +17%; Africa sub Sahariana

+ 27%. Cosi se da una parte tutto

ciò

è vero, se dall’altra il 2015 parte

in Italia con un consumo apparente

con segno negativo, perché non

strutturiamo, subito, priorità e

strategie nazionali sul settore, con

azioni concrete come lo sgravio

fiscale per le aziende e dal lato

impresa, efficentiamo queste stesse,

le internazionalizziamo e creiamo

nei nostri prodotti un nuovo valore

aggiunto? Voi cosa ne pensate?

oprattutto negli ultimi 10-

15 anni le relazioni fra Ita-

lia e Germania si sono inten-

sificate e se prima le regio-

il prestigio stesso del made in Italy» ha di-

chiarato il presidente di Piccola industria

Cna Piemonte Bruno Scanferla, da 34 an-

ni titolare dell’omonima azienda torinese

di progettazione e costruzione di stampi

per la deformazione a freddo di lamierati

metallici di precisione e da quasi un quar-

to di secolo in attività in terra tedesca.

A Subfornitura News tre aziende italiane

- Off-Mec, Scanferla Bruno e Ts – hanno

raccontato la loro esperienza. Come so-

no riuscite a penetrare il mercato tede-

sco? Quali sono i vantaggi? E quali sono

le diversità con la committenza italiana?

■ SERVIZIO A PAGINA 12

S come Siderurgia

Italiani

di Germania

La Repubblica Federale Tedesca

rappresentava ancora alla fine del

2014 il primo mercato di sbocco

per i prodotti della meccanica

tricolore sorpassando Stati Uniti e

Francia. E secondo i protagonisti

di questa corsa all’export i margini

di azione nel Paese, per le imprese

nostrane, sono tuttora ampi.

di Doyle Watson

«S

ni del Nord Est e il Piemonte erano le pri-

me a beneficiare di queste relazioni, oggi

i partner esteri guardano con attenzione

anche al Centro e al Sud del Paese. Quel-

lo tedesco è un mercato importante per le

sue caratteristiche di virtuosità e non a ca-

so anche imprese e consorzi siciliani vi si

sono affacciati senza più tornare indie-

tro. Alcuni processi e lavorazioni realiz-

zati nel nostro Paese attraggono per i loro

costi relativamente competitivi a fronte di

un’eccellente qualità. Ma lo spazio per po-

sizionarsi oltreconfine è vasto anche per

Stefano Colletta

stefano.colletta@tecnichenuove.com

1

NUOVI FORNITORI AFFIDABILI?

Si registri agli eventi Subforama Open House riservati ai compratori:

incontrerà fornitori specializzati nelle lavorazioni della subfornitura ed

interessati a realizzare i suoi progetti di componenti da disegno.

Incontri d’affari SOH Padova: 18-19 marzo 2015

Incontri d’affari SOH Basilea: 29-30 settembre 2015

Per adesioni: info@subforama.com Tel. +39 0423 743836

news

S

u

b

f

o

r

n

i

t

u

r

a

N

e

w

s

-

f

e

b

b

r

a

i

o

2

0

1

5